Il prezzo che ho pagato per non sapere l’inglese

Spesso non conoscere l’inglese significa perdere delle opportunità che non si presenteranno più. I classici treni che passano “una volta sola”, che ti sfrecciano davanti a tutta velocità e non puoi fare nulla per fermarli.

 

E ancor più spesso, a volte basta un semplice episodio per far scattare la scintilla del cambiamento. 

 

 

È ciò che racconta Catherine nella sua storia…

"Due settimane fa mi trovavo alla fiera del caffè a Trieste, presso uno stand di un mio fornitore, e dietro alle mie spalle vedo il mio idolo.

Lui si chiama Alsela Dritan è un artista-barista tedesco, per me è uno dei top nel settore. Appena l’ho visto mi si sono illuminati gli occhi, cavoli avevo il mio idolo a solo 2 metri da me! 
Dentro di me ho pensato: “Ora mi giro e inizio a parlare della passione e del lavoro che abbiamo in comune!”.  

Ma appena mi giro, lo guardo e un senso di tristezza e angoscia mi affligge. Abbasso la testa e penso…  

“Sì Catherine tutto figo, ma in che lingua gli parlo???”  

Oddio ho studiato per tanti anni inglese, oltre che alla classica formazione accademica, ho frequentato la British school e la Wall Street.

Dopo circa 15 anni di studio ancora non so ancora parlare inglese.

So scriverlo, ma capirlo quando uno parla: ZERO!  

Perché i docenti che avevo, anche quelli madrelingua, hanno basato il loro metodo quasi interamente sullo scritto. OPS! Peccato che l’inglese è una lingua parlata e non basata sullo scritto come l’italiano.  

Ma torniamo a noi. Ero lì a due metri da lui e se lo vuoi sapere non ci ho parlato.  

Appena tornata a casa, mi sono messa subito al pc per cercare un corso che mi insegnasse una volta per tutte questa benedetta lingua in tempi brevi!!!

Mi ricordo che un paio di giorni prima avevo visto un video su internet di una bambina russa, che a 4 anni parlava queste lingue:

1. inglese
2. francese
3. spagnolo (con relativa canzoncina)
4. arabo
5. tedesco
6. cinese
7. arabo
8. russo 

E lì mi sono chiesta…  

“Ma come cavolo ha fatto ad imparare queste lingue con così diversa struttura grammaticale e fonetica, e in così breve tempo?”  

Se se va beh Catherine…ma i bambini imparano tutto subito, vero?

Non proprio. Un bambino a 4 anni qui in Italia normalmente non sa 7 lingue, saprà giusto qualche parola di italiano e qualcuna di dialetto della città dove abita, quindi siamo a due.  

L’unica soluzione era trovare il METODO/PROCESSO di insegnamento più veloce ed efficace.

Quindi il mio obiettivo era trovare un corso di inglese che:

– avesse un metodo specifico – avesse un processo di apprendimento – in breve tempo mi spiegasse la pronuncia corretta – non mi spiegasse soltanto la English Grammar!  

Cercando sul web, capito sul sito di IngleseFast; leggo tutto, perché non ho voglia di spendere altri 1000€ per una scuola che mi spieghi un’altra volta da zero la grammatica.  

Il metodo di IngleseFast sembra un metodo completamente diverso da tutti gli altri.  

Nel sito trovo la sezione dove poter scaricare gratuitamente le prime lezioni del corso, in modo da capire come funziona il metodo (se non ti convince non compri).

In tutte le altre scuole invece, fai il test per vedere a che livello sei e ti mettono in una classe X, senza fissare i tuoi obbiettivi, ma fissando il giorno della lezione ed il giorno del pagamento della rata. STOP.  

Oddio, lo confesso: appena ho visto i primi video ero incantata dal modo in cui venivano trasmesse le informazioni, mi sembrava di essere come quella piccola bambina russa, e ho pensato: “Cavoli, potrei farcela anche io”.  

Leggo tutte le regole, hai capito bene: REGOLE. Perché per imparare l’inglese ci vuole disciplina, e quindi c’è un regolamento. Procedo con l’iscrizione. 
Ma purtroppo questo metodo funziona a classi, le lezioni puoi farle online, ma sei in un gruppo; quindi se perdi la classe puoi aspettare mesi prima di iniziare, e perdi altre opportunità. Finalmente inizio con il primo modulo.  

Con tutta la determinazione mi ripetevo “CE LA DEVO FARE, BASTA SCUSE!”. 
Sono stufa di non capire le canzoni, di perdere tantissime opportunità. Ero arrabbiata con me stessa, perché avevo perso tanto tempo, studiando con i soliti metodi;  i soldi sono recuperabili, MA IL TEMPO NO.

Sono stufa di andare in vacanza trovandomi sempre a disagio perché non mastico la lingua. 
Finalmente inizio il corso di inglese, mi mandano le credenziali di accesso, e diamoci dentro.  

Mi do una scadenza: 3 mesi per impararlo + 3 mesi per affinarlo. 

E qui arriva la mia lamentela che voglio fare a Lorenzo.


Da quando ho iniziato il corso di IngleseFast, è una droga. NON MI FATE DORMIRE DI NOTTE! Vado a dormire alle 2/3 e mi sveglio alle 6, e poi alle 7.30 via al lavoro.  

Ecco quindi io mi lamento per questo, nel sito non c’era scritto questo!!! Vi ritengo responsabili! Sappiatelo!  

Non sento la stanchezza per niente.  

Non voglio più trovarmi in situazioni “umilianti”. E sono stufa di sentire le persone che dicono:

“Ma dai, per una lingua ci devi mettere anni, è impossibile in così poco tempo!”  

P.s. Però stai attento, per esperienza ti dico che il corso di inglese online IngleseFast crea dipendenza, quindi preparati a saltare ore di sonno, preparati a vincere una volta per tutte la TUA battaglia.

Sono certa che tra pochi mesi io vincerò la mia e finalmente avrò le porte del mondo aperte, non solo parlando con Dritan, ma con tanti altri campioni in tutto il mondo che guarda caso tutti sanno l’inglese."

Spero che la storia di Catherine ti abbia ispirato a muovere il primo passo verso l’inglese.

 

La vita è troppo breve per perdere le occasioni che passano una volta sola.

 

Live fast!

Scopri come valuteremo il tuo livello di inglese parlato
(e se hai i requisiti per iniziare)

English Check Up + American School 1 mese

IngleseFast