Opinioni di chi ha acquistato IngleseFast

Qui sotto troverai alcune delle tante testimonianze dei nostri studenti. Come puoi vedere sono tutte persone reali, che non hanno problemi a mettere la loro faccia, e che puoi contattare personalmente.

Per aiutarti meglio nella ricerca ho creato un indice, così potrai leggere le testimonianze relative a ciò che vuoi approfondire. Basta clicccare su ogni capitolo o paragrafo qui sotto. Buona lettura!

 


CORSO INGLESEFAST

 

 

 

 

 

 

 

 

Guarda la garanzia totale di IngleseFast

TORNA ALL'INDICE ↑


1.1 I Risultati dei nostri studenti

 

Guarda la garanzia totale di IngleseFast

TORNA ALL'INDICE ↑


1.2 Puoi frequentarlo quando vuoi e dove vuoi

 

 

Guarda la garanzia totale di IngleseFast

TORNA ALL'INDICE ↑


1.3 Corso On-Line, Contatto Umano

 

 

Guarda la garanzia totale di IngleseFast

TORNA ALL'INDICE ↑


1.4 Le Challenge

 

 

Guarda la garanzia totale di IngleseFast

TORNA ALL'INDICE ↑


1.5 Eventi dal vivo

 

 

Guarda la garanzia totale di IngleseFast

TORNA ALL'INDICE ↑


COACHING PROGRAM

 

Guarda la garanzia totale di IngleseFast

TORNA ALL'INDICE ↑


LIVE IN LONDON

 

 

Elisabetta Ruffino

Harrods: ecco che cosa non è il winter camp! E’ lunedì, siamo appena tornati dal winter camp n°1, the first; fatto con gli amici di IngleseFast, e quello che vi voglio esprimere è cosa ho vissuto in questi 4 giorni.

Non è stato il classico viaggio a Londra con itinerari prestabiliti, da Harrods non ci siamo andati: sono riuscita io a trovare un piccolo Harrods in aeroporto, sono scappata dalla fila per comprare due regalino, perché Lorenzo e Lorenza da Harrods non ti portano;

non ti portano in un sacco di posti perché, dove ti portano è nella Londra vera, nella Londra profonda, nella Londra dove non trovi italiani e dove sei obbligato ad immergerti totalmente in questa esperienza che ti porta ad ottenere delle conoscenze di inglese che assolutamente non avevi preventivato e non avevi pensato assolutamente di poter acquisire in soli 4 giorni.

Il primo trucco per ottenere questo risultato è, naturalmente, andarci al Winter Camp, al Summer Camp o a quello che è. Andarci perché se non ci vai diventa difficile poter immergersi totalmente nella lingua;

il secondo trucco, invece, è quello di fare esattamente quello che Lorenzo e Lorenza ti chiedono, ed è di affidarti a loro: affidarti totalmente anche quando le attività proposte e il metodo non sembra così immediato, così intuitivo; però porta risultati e te ne accorgi quando, dopo 4 giorni, torni e scopri che quello che pensavi di non riuscire mai ad ottenere, migliorare il tuo livello di conoscenza della lingua.

Scopri che “che c***o” inizi a capire cosa dicono gli inglesi per la strada: parlano tra di loro, tu passi e capti delle espressioni e delle frasi e, non capisci parola per parola, ma chi se ne frega! Capisci di cosa stanno parlando!

E quando ti relazioni con loro riesci assolutamente a comunicare e, se ti ricordi di ascoltare le risposte, comprendi anche quello che ti stanno dicendo, e questo ti dà un enorme potere, il potere di sapere che “che c***o” hai superato una barriera che ci accomuna;

io credo che tutti noi che siamo iscritti ad IngleseFast, visto che non siamo proprio ragazzini di 6 anni, pensiamo che l’inglese sia veramente un rompimento di c***o che da tanti anni ci perseguita e che mai potremmo padroneggiare. il winter camp ti dà questa possibilità: ti dà veramente la possibilità, in 4 giorni, di aumentare enormemente le tue competenze linguistiche e, oltre a vivere un’esperienza che sotto tutti i punti di vista, è veramente molto molto figa, very cool! Bye!

 

Ivan Strozzi

Winter Camp: ho deciso di parlare del Winter Camp in questo contesto, nella cameretta dei miei bambini; ho già fatto tanti video in questa cameretta, quindi molti di voi già la conoscono. Ma perché ho scelto la cameretta? Perché nel winter camp si torna un po’ bambini, torna un po’ la voglia di imparare, la curiosità, la voglia di giocare, la voglia di imparare giocando.
E quindi ho deciso di parlare del winter camp come se lo spiegassi ai miei bambini, ai miei figli.
Il winter camp è un po’ come uno spaccato, è una finestra spazio-temporale con sopra un’insegna con su scritto “let’s go! Come on!”
Tu guardi questa scritta, questo spazio, questo vortice, e rimani un po’ bloccato, perché dici “oh, è scritto in inglese, non è il mio mondo. Io non posso entrare la dentro, perché non conosco la lingua”.

Un po’ è la stessa cosa che succede quando hai davanti un testo in inglese, un video o un film in lingua originale, e sei bloccato, perché non riesci ad accedere a quello che può trasmettere, a quello che puoi imparare da questi video e da queste fonti.

E sei sconfortato, sei un po’ desolato, perché non riesci ad accedere a queste informazioni che potrebbero servire a te stesso, per crescere personalmente, oppure per trasmettere un qualcosa che potrebbe essere d’aiuto ai tuoi bambini o alle persone a cui vuoi bene.

Quindi tu ti trovi di fronte a questa scelta, se entrare e dietro hai anche le persone che ti dicono “non farlo, non si impara l’inglese così in 4 giorni.
Per imparare l’inglese devi andare sul posto, per un anno intero, devi fare determinate scuole! E poi tu dove vai? Ormai hai una certa età, non sei più giovane, rassegnati.”

Come per magia poi, sotto questa scritta, si apre una parentesi dove c’è la traduzione del testo, dove c’è scritto “ andiamo, sbrigati, muoviti!”; è come se qualcuno avesse interpretato e capito quali sono i tuoi limiti e ti abbia lanciato un messaggio, come a dire “non sei solo.

Sei accompagnato!” 
E quindi tu entri dentro, perché ti senti come preso per mano.
Entri dentro questo vortice e trovi due personaggini che si fanno chiamare Lorenzo e Lorenza, che naturalmente sono nomi inventati, perché hanno deciso di trovare due nomi completamente uguali, comuni, per far si che tu non te li scordi mai; sono quei nomi comuni che ti entrano nel cuore, nella tua vita e sai che non li dimenticherai mai.

Questi due personaggini si avvicinano a te, ti abbracciano, ti accolgono come se fossi uno di famiglia, come se ti conoscessero da una vita, e ti danno in mano delle regole, un regolamento, delle leggi. Tu leggi questo regolamento, queste regole, arrivi in fondo e vedi scritto “zero domande, le risposte le avrai alla fine dei 4 giorni”.

A quel punto cosa fai? Rimani un po’ basito, perché vorresti fare mille domande, vorresti chiedere mille cose: cosa sono queste regole? Cosa mi farai fare? Com’è che funziona? Ma queste risposte non ti vedono date. Poi ti guardi intorno e vedi che comunque altre dieci persone folli, pazze come te, sono lì con te; persone che non hai mai visto! Persone che non hai mai conosciuto; persone che hanno una storia completamente diversa dalla tua, un bagaglio culturale diverso, ma sono lì che condividono lo stesso sogno, lo stesso desiderio: che è quello proprio di imparare a parlare l’inglese.

E quindi tu ti butti dentro, senza filtro; le barriere si abbassano completamente, e torni bambino!
Vivi il presente, vivi le emozioni, le giornate, le passeggiate, e osservi!
Ti addentri completamente nella cultura inglese, ti addentri nei profumi, nelle sensazioni, ti senti un po’ come uno di loro.
E vivi questi giorni pazzeschi, senti il cervello che continua a parlarti e tu lo fai tacere, e ce la fai tranquillamente! Perché tu sei completamente dentro l’esperienza, vivi il presente; un po’ come succedeva quando eri bambino, non avevi tutte queste seghe mentali, queste cose che ti passano per la testa.

Finiti i 4 giorni, e cosa rimane di questa esperienza?
Rimane che tu l’inglese adesso lo capisci, l’inglese lo parli, a te l’inglese non fa più paura: cominci ad amare l’inglese, cominci ad amare gli inglesi, cominci a capire che tutto quello che ti ha bloccato erano solo delle barriere mentali.

Capisci che questo corso non è solo un corso d’inglese, ma è un training emozionale, un training motivazionale, è un corso di crescita personale, è un corso di sviluppo: impari tante cose da questo corso.

E quindi quello che mi sento di dire, appunto è: fatelo! Se ancora avete dubbi, toglietevi ogni dubbio, lanciatevi, consegnatevi completamente a Lorenzo e Lorenza, perché loro sanno di cosa hai bisogno, sanno che cosa ti serve.

Quindi questo è il mio pensiero sul winter camp. Ciao!

Caterina Roncati

"Hi! My emotional feedback after the first Winter camp.
"Essermi iscritta al Summer camp per me vuol dire avere un'obiettivo molto chiaro in mente, un obiettivo molto alto. È la mia spinta per studiare tutti i giorni, per tradurre e cantare tutte quelle canzoni di cui ho sempre solo immaginato il senso.Sono sicura che la prossima volta che tornerò a Londra parlerò correttamente l'inglese.questa onda ,tra l'altro, sta contagiando tutti gli aspetti della mia vita. Per cui grazie ancora a me, ai lorenzi e allo splendido team con cui ho condiviso questa esperienza."

Quello che vi posso dire oggi, tornata ieri da questa intensissima esperienza passata a Londra è che mi sono svegliata pensando, parlando in inglese!

E' scattato dentro di me qualcosa che finalmente aspettavo da tantissimo tempo, qualcosa che va al di là del sapere la lingua.

E' un'esperienza che mi ha dato la possibilità di mettermi alla prova veramente, seguendo ciecamente quello che mi veniva chiesto di fare, quindi affidandomi, e il risultato che io ho ottenuto è stato quello di essermi sbloccata.
Mi sento libera adesso di pensare che l'inglese a breve lo padroneggerò bene, non sarà più un mio rimpianto, ma sarà stata una delle mie più grandi conquiste, decidendo di fare questa cosa ad un'età non più scolare diciamo.

Quindi quello che posso dire a tutti è di farla quest'esperienza: umanamente, scolasticamente e, perché no, 4 giorni a Londra… vale la pena! Grazie!"

 

Pietro Cavalieri

Ciao a tutti, io sono Pietro Cavaleri e sono uno studente di IngleseFast.

Sono appena rientrato da Londra, dove ho partecipato, insieme ad un gruppo di persone meravigliose, al primo Winter Camp organizzato da IngleseFast. Ci tenevo a rilasciare questa breve testimonianza in segno di gratitudine per i miei insegnanti, Lorenzo e Lorenza: sono delle persone fantastiche, eccezionali che ci hanno consentito di vivere un’esperienza veramente ed estremamente coinvolgente ed indimenticabile. I 4 giorni che abbiamo vissuto a Londra sono stati veramente ricchi di sorprese e di attività estremamente divertenti e formative.

Lorenzo e Lorenza hanno curato tutto nei minimi particolari, questo ci ha veramente consentito di assaporare ogni minimo istante di questa splendida avventura. Io penso che, una volta fatta questa esperienza, sono ancora più convinto che il percorso di apprendimento di una lingua deve necessariamente passare attraverso queste esperienze sul campo perché veramente c’è la possibilità di immergersi in un contesto estremamente stimolante.

Noi abbiamo visitato la Londra meno turistica, quindi la Londra dei londinesi, abbiamo avuto modo di sentire le sfumature della lingua inglese e, in maniera molto molto sorprendente questo, piano piano, è come se avesse scatenato un “click” che moltiplica la velocità dell’apprendimento della lingua stessa.

Io consiglio assolutamente, se volete intraprendere un percorso di studio della lingua inglese, di iscrivervi ad IngleseFast e di frequentare i prossimi camp organizzati da Lorenza e Lorenzo, indipendentemente dal livello di apprendimento in cui vi trovate.

Questa, infatti, era la mia più grande perplessità prima di partire per Londra, perché in qualche modo non mi sentivo ancora pronto per affrontare quest’esperienza, pensavo di trovarmi in un contesto dove magari avrei avuto estreme difficoltà nel viverla a pieno, e invece devo dire che, anche grazie al gruppo di amici che ho conosciuto in quest’avventura, è stato tutto tutto molto divertente e stimolante. Per cui vi lascio con quest’augurio, di poter vivere anche voi questa esperienza e ringrazio infinitamente i miei insegnanti: “thank you very much, my teachers!” Bye bye

Guarda la garanzia totale di IngleseFast

TORNA ALL'INDICE ↑

IngleseFast